Verifica disponibilità

Dialettologia tipologica (sincronica) - Il dialetto moglianese

Potremmo definire il dialetto di Mogliano 'una parlata trevigiana molto venezianizzata', quasi 'un veneziano di terraferma', strettamente correlato con l'italiano regionale con cui viene spesso a contatto e interagisce nei frequentissimi casi di enunciati mistilingui.
Quindi, ad esempio: la vocale atona finale /-e/ cade solo dopo /n, r, l/ (paron, missier, euminal), /-o/ cade nei nomi derivati col suffisso latino -eolu (ninsiol 'lenzuolo').
La metafonia è praticamente assente (mentre nel padovano rustico possiamo avere ad esempio nissui 'lenzuola', fasui 'fagioli').
I pronomi e aggettivi possessivi tonici sono: mi, ti, eli, ela, lu, nialtri, nualtri, naltri, vialtri, vualtri, valtri, lori, lore; mio, tuo, suo, nostro, vostro, suo. I verbi sono a quattro coniugazioni, del tipo magnar, aver, bévar, dormir. Ad esempio: indicativo presente di magnar:

mi magno

ti ti magni

eu el, éa ea magna

nialtri magnemo

vialtri magné

eori i, eore e magna

Nella II e III persona singolare e nella III plurale il verbo è obbligatoriamente preceduto da un pronome atono ti, el, i.
La desinenza di I persona plurale nell'indicativo presente è /émo/, o /ìmo/ nei verbi della IV coniugazione. Il condizionale è in /ìa/: magnarìa.
Particolarità verbali: stago 'sto' come vago 'vado', togo 'prendo', digo 'dico', dago 'do'; /avér/ è sempre contraddistinto da allomorfi /gav/ versus /g/: go, ga, ga;
gavemo, gavé, ga (g- corrisponde all'italiano ci).
Non c'è tendenza alla sincope del proparossitono: munega 'monaca', senare 'cenere', manego 'manico'.
Suffissi: -ariu, -aria > -èr, -era contro padovano -aro; -eolu > -iol: bavariol 'bavaglino'; -ellu > -èo: fradeo 'fratello'; scarsa tolleranza del nesso -vr-: càvara 'capra'.
Il lessico è molto vario; citiamo da Zamboni, ad esempio: caìgo 'nebbia', giossa 'goccia', sopa 'zolla', bisata 'anguilla', folpo 'polipo', masaneta e moeca 'granchio', scioso 'chiocciola', mussato 'zanzara', sciavo 'scarafaggio', musso 'asino', armeìn 'albicocca', articioco 'carciofo', bisi 'piselli', naransa 'arancia', persego 'pesca', cortìo 'cortile', carèga 'sedia', pitèr 'vaso da fiori', farsora 'padella', piron 'forchetta', goto 'bicchiere' gorna 'grondaia', còtoea 'sottana', fuminante 'fiammifero', stramasso 'materasso', intimèa 'federa', traversa 'grembiule', tirache 'bretelle', marangon 'falegname', sartor 'sarto', piovan 'parroco', nonsoeo 'sacrestano', cheba 'gabbia', copo 'tegola', versor 'aratro', viscia 'frusta', curame 'cuoio', àmia 'zia', bocia 'ragazzo', moroso 'fidanzato', putèo 'bambino', sàntoeo 'padrino', butìro 'burro', figà 'fegato', eugànega 'salsiccia', tocio 'sugo'.
< torna all'indice degli argomenti