L'EGLOGA 'MINORE' DI PAOLO DA CASTELLO (TEXT ALTOVENETO DEI PRIMI DEL '500)

L’egloga minore

Riprendiamo a parlare dell’egloga in lingua villanesca
di Busat e Croch (egloga minore), scritta da Paolo da Castello, della
quale abbiamo mostrato sopra un esempio di edizione critica. Non si sa
quasi nulla di Paolo da Castello. Anche in questo caso, nonostante le
minuziose ricerche di Conto’ negli archivi trevisani, non si e’ riusciti
ad andare molto aldila’ delle notizie che ci provengono dalla rubrica
iniziale di (B), sopra riportate.

Comunque, CONTO’ 67 ne ipotizza l’appartenenza alla famiglia
trevisana Castelli, originaria di Belluno e con esponenti bene in vista
nel sec.XV, e ne tenta pure l’identificazione in un “ser Paulo da Castello”
nominato in alcuni documenti d’archivio tra il 1498 ed il 1511 come proprietario
di terre in zona di Vidor, di case a Treviso nelle contrade di S.Pancrazio
e di S.Martino, e come abitante nella parrocchia di S.Giovanni del Tempio.
Di tale personaggio sarebbe anche testimoniata una corrispondenza poetica
con il veronese Giorgio Sommariva intorno al 1482. Inoltre CONTO’ 79,n.27,
pubblica anche un sonetto in ‘lingua’, attribuito a “messer Paolo da Castello”,
conservato nel ms. Marciano Italiano cl.IX, 203 (=6757), del sec. XVI,
a c.80r.

L’egloga di Busat e Croch consta di 202 versi e si snoda
come un contrasto a due voci intorno alla tematica amorosa, ove la polemica
sulla natura ed il ruolo di Amore e la satira, talora feroce e violenta,
agli Asolani del Bembo traspare piuttosto netta: compaiono stilemi in
contrasto con la tradizione, già ben sviluppati a cavallo tra la
fine del XV e l’inizio del XVI secolo (Lovarini 1894)1
e condensati, poi, nel primo atto della Betìa ruzantiana (Zorzi
1967).

A Croch che lo accusa di essersi invaghito di una ragazza
pur essendo sposato, e di trascurare per questo la famiglia, Busat risponde
incolpando Amore, personificato secondo la tipica iconografia ufficiale
dell’epoca con arco e frecce, e innesca cosi’ la prevedibile
risposta parodistica e demistificante di Croch che suona come sberleffo
contro la retorica neoplatonica della cultura ufficiale.

Il nostro text si qualifica come una scadente esercitazione
letteraria, non esiste azione e non si manifestano spunti drammatici mentre
il mondo contadino è tenuto sullo sfondo; tuttavia, oltre a rivestire
una notevole importanza linguistica (che è poi il campo specifico
del nostro interesse), quest’egloga sembra in grado di fornire qua e là
qualche precisa indicazione etnografica e dimostra una discreta familiarità
del nostro letterato col mondo rurale.

Ripubblichiamo velocemente il text, stavolta corredato dalla traduzione
e dall’interpretazione.

EGLOGA {a} IN LINGUA VILANESCA

P(ER) IDEM PAULUM D(E) CASTELLO; INT(ER)LOCUTORI

BUSAT E CROCH, E BUSAT COMENZA:

<B.> S’ tu no te inatemasse, vorou ben

dir-te, Croch, cent parole e fuos an pì

p(ar) sbramegar-me una vuoia che <h>è in sen;

e’ te l’ hè voiù dir zà fa assè dì

e sempremè me è vegnù pediment 5

a tal che <h>è indusià p(ar) fina qui.

C. Busat, fradel, e’ son nasù de zent

sì dulinciosa, e che è sì monesella,

che staroo in l’egua p(ar) far un content:

sì che quel che tu vuosi me favella 10

e mì te ascolterè fina a la fin

e po’ tu me aldirè dovrar {b}
la ochella.

B. La Pagnuchella de barba Buldrin

tu sesi ben, me’ Croch, q(uen)to {1}
che la ame

e quante fiè g<h>e hè pagà festa e vin, 15

e quanta {2} sé g<h>e porte e quanta fame

p(ar) statufar al dolze me’ apetet

e vegnir dondre vuoie e donde brame,

e quanti no(n) dirè bez né marchet

mo trodele, {3} e di’ tron an, hè spindù 20

p(ar) far-la zir in pont co(n) copolet;

e, p(ar) quant che me avede e che <h>è intindù,

tu traze p(ar) tirà- la al fato tô

prometan-g<h>e fornir-la de velù.

Tu diesi pur saver che no pur mo’ 25

haón comezà a far n(ost)ra amistanza

e {c} che te hè dat quel che donar se pò:

te hè fato sempremè granda alnoranza

e sì te vuoie far fina a la mort,

fin che harè lus in gi [v]uogi e fià in la pa(n)za. 30

Mo, a dir el ver, me par che tu hesi tort

a voler descargar el fato mé:

tu no’1 puos {d} denegar ch(e) me n'< h> è acort.

E, p(ar)qué {e}
sepi chiarament que sè

d(e) pel in pont que muò la cossa va, 35

se tu me ascolte un puoc e’ te ‘1 dirè:

tu fuìs un dì, d(e) not, a la so cha’

p(ar) voler-la tantar e dar-g<h>e briga,

ella no el seva, mo una t’enguidà.

Mo quel ch(e) tu volis no(n) havis miga 40

ch(é) la puta no(n) è d(e) quella ma(n),

e lassa pur ch(e) ogni homo al so muò diga:

la me ha zurà, p(ar) la fe’ de christia(n),

ch(e) la {4} no[(n)] impresterou la so parsona

a un ch(e) fos {f} fiuol d’ un sabatam. 45

Cusì, cu(n’) tu la vis bella, l’ è an bona

mo, l’ è be(n) ver, co {5}
la mala zinìa

d(e) altro ch(e) d(e) mal mè no(n) se rasona;

da mo’, p(ar) ’ver la mala compagnia,

fóssem senza tuti d(e)l Paradis 50

dondre a tornar haó(n) sì mala via.

Sì ch(e), fard(e)l, me’ be(n), te dag < h > e avis

ch(e) tu te puossi be(n) romp(er) la testa,

mo tu no(n) harè mè quel ch(e) tu cris:

tu la puossi guardar a messa e en festa 55

e sguirzignar-la a tuta la to voya, {g}

mo tu no[(n)] harè mè dolza la so agresta

ch(e) m<u>ò ch(e) se la ’vesse d’una truoia;

de hon d(e)l mond e’ no(n) hè pì {h} paura

né ch(e) mal me la invie né me la tuoia: 60

e’ g<h>e hè (con)prà una bela cintura,

una piliza e, in fina, le camise,

e ogni dì g<h>e do(n) qualch(e)friscura.

C. Busat, tu [h]es mo’ Busat, e Busat ise,

e chi te batezà sì havì cervel 65

a tante sbizarie que tu me dise;

me par ch(e) tu favele da matrel,

mo tuto quel ch(e) {i}
luse no(n) è or:

àldi-tu quel sonai, car me’ fradel?

Tu di’ ch(e) Pagnuch(e)la è el to
stresor 70

mo, quella, Pagnuchella {j}
no inte(n)de,

ch(é) a indivinar no(n) g<h>e
ne harè mè alnor.

Le to lasagne è dolz, mo le me ince(n)de

e me dà un Dio-te-salve e una firida

e cusì le bisig<h>e toe se vende. 75

Busat, cutave ch(e) chi se marida

no butasse drié pute i so dener

né zesse cusì là, a
la straborida;

tu te puos giuriar d(e) esser maser

de la pì bella femena d(e) villa, 80

ch(é) g<h>e ‘n ha invilia fuosi
an pì {k} d’ un per;

me par ch(e), cu(n’) deset, ela te grilla

ch(e) tu hè pa(n) bianch e sì
cerche pole(n)ta

e scàrdoe e tench(e) e puossi haver
inguilla:

sì ch(e), vê!, fa’ alme(n) sen
e te conte(n)ta 85

d(e) quella ch(e) tu hes, ch(é), in
fe’ d(e) Chrit!,

chi no cognosce el be(n) tal bota ste(n)ta.

E sì te vuoie dir ch(e) zà
<h>è be(n) vist

portar le corne in caf a be(n) grameg<h>i

e andar col pilo(n) net, po’, an be(n) d(e)
trist; 90

hè visto de’ gra(n) savî {l}
far dei sbrig < h > i

e po’ de’ gros entender la raso(n):

sì ch(e) guarda mo’ be(n) cu(n’) tu
la sbreg<h>i.

E quest te hè voiù dir p(ar)qué
te su(n)

an mì to amic, d’altro che de zanzu(m), 95

ch(é) me recorde el temp ch(e) se
ameó(n);

e sì me duol ch(e) tu hesi p(er)dù
el lum,

ch(e) è altro ch(e) d(e) i vuogi d(e)
la ment,

metan-te drié le spale i bon costum;

e sì te vuò be(n) dir: s’
tu no te pent 100

e ch(e) no me(n)di la vita cativa,

tu te morderè anchora i dé
co i dent;

tu no hesi miga tant fen né arziliva

né tanta lana tosâ d(e) le fede

ch(e) balar posse cu(n) pì d’ una
piva; 105

nianch[(e)] tante vit cerpir e’ no te vede

ch(e) tu la posse far zir sì par sora,

mo no la durerà tant cu(n’) tu crede.

Va’ a tendi a i to tosat, in la malora!,

e a lor {6} fares le scarpe
e le gonelle 110

se tu puos {m} far che
i to visin te alnora,

e lassa zir drié queste gabatelle

chi no ha femena in casa né tosat

ch(e) mena dì e d(e) not cul e maselle.

B. 0 Croch, te sé’ fantàstec
o t’ ì mat 115

a tante sbezarie que te alde dir,

chivilò anchora que a ‘scoltar su(n)
stat;

mo, se ‘1 no te despiase de sofrir,

e’ te vuoie dir cosse ch(e), a la cros!,

da maraveia tu creres morir. 120

No(n) creze ch(e) in quest devers mond fos

hon pì spavìsich de trovar
morosa

né ch(e) mè dir se me podes:
“moros!”,

perqué {n} se ve’
la femena fogosa

e dendre {7} ch(e) la trova
sora mes, 125

christia(n) no(n) fé mè bistia
pì robosa;

e parzò magagnava da mì stes

de no(n) voler (con)zar-me sot d(el) {o}
regn

de Amor, ch(e) friz[i] i cuor[e], no carn
né pes;

e lu pare ch(e) se ne haves desdegn 130

enn-anema da far la so vendeta

cenza spada, sponto(n) né spè
d(e) legn,

e cu(n’) fà qui ch(e) vol zir a zeguietta,{8}

ch(e) mette in pont el visch e le bach(e)te,

e sona e aspieta ch(e) i osié se meta, 135

cusì quest chega-sangu faé
le rizete

conzar a Pagnuchella su la front

co(n) bié gaban e camese a forette;

po’, del {p} arest, la
faé meter sì in pont

che, pur chi la guardava in la bigota, 140

era in la piturina firì e pont.

E mì, che ere a la festa con ‘na frota

de fent villò, Pagnuchella guardave

e me sentî al figà dar ‘na gram
bota,

e pur mì drié Pagnuchella smirave, 145

e quant pì la smirave una slanguòria

havée en’ del piet che asques me stofegave;

ma po’ che pur tornà la mea smalmuoria

vardè entre a i vuogi {q}
a Pagnuchella e vit

derasiamentre {9} la celest
in giuoria: 150

ivilò {r} fié
el me’ cuor sì fermo nit

che, se me pense, mè lassarla vuò;

par che ‘1 cuor sì me boia dentre
un cit,

che, chi me dà cavale, cavre o buò

e piegole e diner pien un tinaz 155

che la lasas,{s} no saroo
a che muò.

C. Biâ la soga che te faés un
laz,

Busat, che te picasse p(ar) la gola {t}

po’ che tu fes de tì tanto strapaz.

Tu cris che Pag<n>uchela sipia sola 160

quella che tiena in man le freze e l’arch

de Amor: che un chiap de coio(n) dis che
sgola,

e che la sipia sola che heba el carch

de tegnir ment de qui che Amor apassa

in un serai a muò i {u}
castro(n) in barch. 165

Che, se tu pense quest, tu pense massa,

ché, se ‘l foés de Amor pien<a>
‘na campagna,

la no(n) haroo le chiaf d’ una so cassa.

T’ ì an tì d(e) quella ma(n)
d(e) sofegagna

che cre’ che Amor sipia Domenedié, 170

che pia i fent co’ se fà i bet a ragna,

o piegole, molto(n), cavre e stonié?

Sè-tu dondre va Amor? A casa soa,

a crepa-panza, e ben inpì i budié!

Tu ere quel dì passù a muò
una scroa, 175

e Pagnuchella te ven entre i vuogi

e Amor te la fichà sot de la coa.

Tu no {v} me venderè
mè i tuo’ fenuogi

que Amor sia Dié, che n’ ha mè
arco né freza {10}

p(ar)qué el n’ ha ma(n) né
braz, pié né zenuogi. 180

Me par, Busat, che tu scrize in caveza

mo, s’ tu lassasse el vin e le brasole,

Amor no(n) haroo in tì tanta forteza;

tu ves su le somasse p(ar) viole,

mo tu fares co(n’) faé la zent altiera 185

che zé a la merda co[(n)] Eros e co(n)
stole.

No leverà mè tant la to stadiera

che tu me dag<h>e a intendre to bisig<h>e:

crez che tu cris che nases pur iersera.

Va’ a monda a i to tosati de le fig<h>e,
190

ché mi g<h>e ‘n son passù
p(ar) fina al bech!

No(n) val che a lasagnar tu te fadig <
h > e:

tu faresi an tì co(n’) fasé
Cech

che zé lenza(n)d el cul a le putane;

che mo’ te foés cavà gi uogi
co {w} un stech! {x} 195

Vorove un mes d(e) sete setemane

a dir-te vilanïa co(n’) tu mìlite:

che foés-tu brusà dentre un
fas d(e) cane!

Ché, da po’ che nascî, zamè
no vite

pì gran porchaz de paser fava e broda; 200

che Dio te meta bresai de so site,

e po’ te buta, a muò camoz, de croda!

INTERPRETAZIONE

La traduzione è il più possibile letterale
ed ha il solo scopo di rendere intelligibile il dettato senza alcuna pretesa
di inutili tentativi di riscrittura.

vv. 1-6:

“Se tu non fossi troppo occupato vorrei proprio
dirti, Croch, cento parole e forse anche di più per levarmi una
voglia che ho in seno; te lo volevo dire già da molti giorni (“molti
giorni fa”) ma mi è venuto continuamente un impedimento da parte
di un tale che hai fatto indugiare sino ad ora (“qui”)” [accoglierei
indusià nel significato transitivo riportato da Prati: 82, s.v.
indus’giar: “(trans.) far sì che uno indugi, su una strada”
in quanto, oltre a costituire un’interessante variante, la forma verbale
<h>è del vs. 6, se appartiene al vb. “avere” non
può essere che una I od una II persona (difficile pensare ad una
forma analogica di III). Naturalmente si può sempre considerare
è voce del vb. “essere”, ma si sa che il costrutto dialettale
tende semmai a scambiare “essere” con “avere” e non
viceversa e quindi qui si tratterebbe di ipercorrettismo: ” … *che
è indugiato … “].

vv. 7-12:

“Busat, fratello, io sono nato da gente così
intollerante d’ogni lieve dolore e così arrendevole, che starei
nell’acqua per rendere uno contento: perciò dimmi quello che vuoi
ed io ascolterò sino alla fine e poi tu sperimenterai la mia parlantina
(“mi ascolterai adoperare la loquela”)”.

vv. 13-24:

“La Pagnucchella di “barba” Buldrin, tu sai bene,
Croch mio, quanto l’amo e quante volte le ho pagato divertimenti e vino
– e quanta sete e fame ho di lei – per soddisfare il mio dolce appetito
ed arrivare dove voglio e dove desidero, e quanti, non dirò bezzi
né marchetti, ma tronelle, e aggiungici anche troni, ho speso per
farla andare tutta vestita appuntino con i bottoncini; e, per quanto mi
avvedo e ho capito, tu ti dai da fare per attirarla al tuo progetto promettendole
di fornirla di velluto”.

vv. 25-30:

“Tu dovresti pur sapere che non solo ora abbiamo
cominciato a coltivare la nostra amicizia e che ti ho dato tutto quello
che è possibile donare: ti ho continuamente rispettato e così
voglio fare fino alla morte, finché avrò luce negli occhi
e fiato in pancia”.

vv. 31-38:

“Ma, a dire la verità, mi pare che tu abbia
torto a voler liquidare il mio progetto; tu non puoi negare che io me
ne sono accorto e, perché tu sappia chiaramente che so per filo
e per segno in che modo vanno le cose, se tu mi ascolti un po’ io te lo
dirò: tu andasti un giorno, di notte, a casa sua per molestarla
e darle fastidio”.

vv. 39-45:

“Lei non lo sapeva ma una ti ci portò, eppure
quello che volevi non l’hai avuto perché la ragazza non è
di quel tipo, e lascia pure che ogni uomo dica come crede: mi ha giurato,
sulla fede di un cristiano, che non si concederebbe (“presterebbe la sua
persona”) a uno che fosse figlio di un eretico”.

vv. 46-5 1:

“Così come la vedi bella è anche pura
(“buona”) ma – è proprio vero – con la gente malvagia non si parla
d’altro che di malefatte (“male”); da adesso, poiché frequentiamo
una cattiva compagnia, magari rimanessimo tutti senza il Paradiso (poiché),
per tornare al quale, procediamo per una strada così cattiva! “.

vv. 52-58:

“Sicché fratello, mio bene, ti avviso: tu
puoi anche romperti la testa ma non avrai mai quel che credi; la puoi
guardare a messa e nei giorni di festa e lanciarle delle occhiate di sottecchi
finché ne hai voglia ma non sarà mai dolce per te il suo
vinello acido [cioè “non raggiungerai il tuo scopo”] a quel modo
come se tu lo ricevessi da una prostituta (‘‘troia”)”

vv. 59-63:

“non ho più paura che qualcuno (‘‘uomo
del mondo”) me la avvii per una brutta strada o me la porti via: le ho
comperato una bella cintura, una pelliccia ed, infine, delle camicie e
ogni giorno le do qualche regalino (‘‘frescura” cioè
“cose piacevoli”; lett. “che dà refrigerio dal caldo”)”

vv. 64-72:

“Busat, tu sei ora Busat, e Busat sei, e chi ti
battezzò la pensò in questo modo [evidentemente il nome
Busat ha una sfumatura dispregiativa, per cui già all’atto del
battesimo, in previsione delle sue malefatte, gli fu affibbiato tale epiteto]
a causa delle molte bizzarrie che mi dici; mi sembra che tu parli da sciocco,
ma tutto quello che luccica non è oro [“non ti fidare delle apparenze”]:
capisci questo avvertimento [lett. “sonaglio”], caro fratello mio? Tu
dici che Pagnucchella è il tuo tesoro ma lei questo non lo capisce,
per cui a tirare ad indovinare (nelle cose d’amore) non ne avrai mai onore”
[il vs. 72 non è, per la verità, molto perspicuo: credo
si voglia far intendere che l’amore è una cosa seria e bisogna
scegliere con oculatezza colei che si vuole amare senza lasciarsi trasportare
da superficiali attrazioni; conforta in questo senso un passo del Cavassico
(Pellegrini 1977: 306) in cui compare il medesimo stilema: XV,54-60 “Che
cossa é duniar; / L’é un indivinar, / Catar d’un cuor/ Doi
che se porte amor / E che se vuoia ben / Che n’eba qualche artien / Chi
dag(h)e impaz /
[ecc.]”. Ma non si può escludere a priori
la possibilità che indivinar stia per dirivinar “mandare
in rovina” che ricorre anch’esso in un passo del Cav. (XIV,43; e
v. anche p. 328 il commento del Pellegrini), per cui avremmo: “…a
mandare in rovina (i sogni d’amore altrui) non ne avrai mai onore”].

vv. 73-81:

“Le tue ciance sono mielose ma mi irritano, mi fanno
male e mi feriscono (“mi procurano una grave malattia [probabilmente la
peste, resa con questa espressiva perifrasi ottativa “Dio ti salvi” di
carattere gustosamente popolare] ed una ferita”) ed in questo modo vengono
propinate le tue stupidaggini. Busat, pensavo che un uomo sposato non
sperperasse i suoi denari (andando) a ragazze né che si comportasse
così, alla disperata; tu ti puoi vantare di essere marito della
più bella donna del villaggio, dato che [oppure “per cui”]
ti invidia anche più d’un paio (d’altri uomini)”

vv. 82-87

“mi pare che, quando ti svegli, (ella) ti dice brontolando
che hai pane bianco [più pregiato] ed invece cerchi polenta, e
scardove e tinche e potresti avere anguilla [più pregiata]: [è
chiara la metafora: “hai me che sono la più bella donna del paese
ed invece ti vai a rovinare con donne di scarto”] sicché, via,
riprendi almeno un po’ di senno ed accontentati di quella che hai, perché,
in fede di Cristo!, chi non sa quale sia il meglio talvolta fa fatica
(inutilmente)”.

vv. 88-93

“Perciò voglio dirti che ho già visto
degli uomini saccenti portare le corna in testa ed andare, invece, con
la testa sgombra [senza corna] i furbi; ho visto dei gran saggi far dei
(gran) danni e poi degli illetterati dimostrarsi intelligenti (“intendere
la ragione”): sicché sta ben attento a come la rovini [la tua vita]”

[qui però potremmo anche, postulando uno scambio
tra sbreg<h>i 93 e sbrig<h>i 91, pensare, con
quest’ultimo, a “sbrigare” e quindi “…a come porti a
termine la faccenda”].

vv. 94-102

“Questo te l’ho voluto dire perché ti sono
anch’io amico, nei fatti e non a parole (“non solo nel cianciare”); perché
mi ricordo il tempo nel quale ci volevamo bene e perciò mi duole
che tu abbia perso il lume (della ragione) che non è altro se non
gli occhi della mente, mettendoti dietro le spalle il giusto modo di comportarsi;
e quindi ti voglio dire: se non ti penti e non correggi questa
vita traviata, ti morderai ancora le dita con i denti; ”

vv. 103-108

“tu non hai mica tanto fieno né erba di secondo
taglio (cioè “non sei mica tanto ricco”) né tanta lana tosata
dalle pecore da poter ballare con più di una piva (cioè
“da poter sperperare a tuo piacimento”); e non ti vedo nemmeno potare
tante viti che tu possa condurre (la tua vita) così al di sopra
(delle tue possibilità), (quindi) non durerà tanto come
credi.”

vv. 109-114

“Bada invece ai tuoi figli, in malora!, e a loro
farai [procurerai] le scarpe ed i vestiti in modo che i tuoi vicini ti
rispettino, e lascia andare dietro a queste frivolezze chi non ha moglie
in casa né figli che menino il giorno e la notte il culo e le mascelle
[cioè che “mangino (e quindi “cachino”) tutto il giorno”, con un’altra
tipica immagine popolaresca]”

vv. 115-120

“0 Croch, sei stravagante o sei matto (a giudicare)
dalle tante bizzarrie che ti sento dire, sebbene sia rimasto qui ad ascoltarti;
ma, se non ti dispiace di soffrire, ti voglio dire cose a causa della
quali, per Dio!, (“alla croce!”) tu crederai di morire dallo stupore”.

vv. 121-126

“Non credo che in tutto il mondo (“universo mondo”)
ci fosse un uomo più restio (di me) a trovare un’amante né
che mai mi potesse venir detto: “tu sei innamorato”, perché, se
prendi in considerazione una donna focosa ed il genere d’uomo che la trova
sopra citato [l’innamorato], un cristiano [un uomo in generale, essere
umano contrapposto a “bestia”] non rese mai una bestia così rabbiosa
[come una donna appassionata rende rabbioso l’amante]”

vv. 127-141

“e perciò preparavo dei piani dentro di me
(“congetturavo, tramavo con furbizia”) per non cadere sotto le grinfie
di Amore [lett. “decidevo da me stesso di non voler capitare sotto il
regno di Amore’’] che frigge i cuori, non la carne e nemmeno
il pesce, e lui pare che se ne abbia avuto a male, desideroso di fare
la sua vendetta senza spada, puntuale o spiedo di legno, e come fanno
quelli che vogliono andare a caccia con la civetta e che perciò
preparano il vischio e le bacchette e lanciano richiami ed aspettano che
arrivino gli uccelli, così questo figlio di puttana [“cacasangue”,
epiteto offensivo molto usato negli autori pavani] acconciò i ricciolini
sulla fronte di Pagnucchella assieme a bei vestitini (lett. “giacche”)
e camicie foderate; poi, per di più, la fece mettere così
appuntino che, anche chi la guardava castamente (lett. “alla bigotta,
come fanno i bigotti”) era ugualmente ferito e punto nel petto (dagli
strali d’Amore)”

vv. 142-150

“ed io, che ero lì alla “sagra” [festa paesana]
con un mucchio di figli, guardavo Pagnucchella e mi sentii dare al fegato
una gran botta, e pur tuttavia continuavo (a girarmi indietro e) a guardarla
con attenzione, e quanto più l’ammiravo (tanto più)
mi veniva un mancamento dentro al petto che quasi soffocavo; ma, dopo
che tornai in me (lett. “tornò la mia memoria” cioè “ripresi
le mie facoltà) guardai negli occhi Pagnucchella e vidi veramente
la celeste visione nel suo fulgore;”

vv. 151-156

“in quella occasione (‘‘1ì”) il
mio cuore si costituì un nido così duraturo [immagine poetica
che paragona l’innamorato ad un uccello che finalmente stabilisce il suo
nido] che, se ci penso, non voglio mai lasciarla perché il cuore
possa continuare a bollirmi (come) dentro un pentolino [“possa ancora
ardere la mia passione amorosa”] cosicché, se qualcuno mi offrisse
cavalle, capre o buoi, e pecore e un tino pieno di soldi, affinché
la lasciassi, non saprei in che modo (potrei farlo)”.

vv. 157-165

“Beata la corda che ti facesse un laccio, Busat,
e che t’impiccasse per la gola, dato che ti rovini così (“fai di
te tanto strapazzo”). Tu credi che Pagnucchella sia la sola a tenere in
mano le frecce e l’arco di Amore – a proposito del quale un mucchio di
coglioni dice che vola – e che sia la sola ad avere l’incarico di tenere
a mente quelli che Amore rinchiude in un serraglio come gli agnelli (“castrati”)
nella stalla”.

vv. 166-177

“Se tu pensi questo, pensi troppo, perché,
se ci fosse un campo pieno di Amore, lei non avrebbe le chiavi nemmeno
di una delle sue casse.

[immagine arditamente metaforica per significare l’assurdità
del legame tra il dio dell’amore e la donna: come nei versi che seguono
è evidente l’intento polemico contro la letteratura “ufficiale”
dell’epoca]

Sei anche tu di quella manica (di stupidi) che andrebbero
soffocati, i quali credono che Amore sia Domineddio, che intrappola i
giovani così come si catturano nella rete i pettirossi o le pecore,
i montoni, le capre e gli stornelli? Sai dove va Amore? A casa sua, a
crepapancia e ben sazio! (“ben riempito le budella”). Tu eri quel giorno
satollo come una scrofa e Pagnucchella ti venne davanti agli occhi e Amore
te la ficcò sotto le coperte (nella tua immaginazione)” [oppure
“sotto la coda (in senso osceno)”; in ambedue i casi comunque
s’intende che Busat la desiderava sessualmente; v. qui sopra N. al text,
anche per una possibile altra lezione testuale]

vv. 178-189

“Tu non mi infinocchierai cercando di farmi credere
che Amore sia un dio, perché non ha mai arco né frecce [oppure
“e che abbia arco e frecce”, v. N. al text] e perché non ha (del
resto) né mani né braccia, né piedi né ginocchia.
Mi pare, Busat, che agisci avventatamente [“scherzi col fuoco” o meglio,
più letterale, “scherzi col cappio al collo”] ma, se tu lasciassi
il vino e le braciole [cioè “se tu non ti riempissi di vino e di
cibo a tal punto da annebbiare i tuoi pensieri ed i tuoi comportamenti”]
Amore non avrebbe in te così grande vigore; tu vai sui pavimenti
(e non sui prati) in cerca di viole [‘‘fai cose inutili”], e
farai come fece la gente superba che andò a finire nella merda
(per andare dietro) ad Eros e alle stole [con “stole” si intende, forse,
in generale, l’abbigliamento delle donne; v. DELI, s.v. stola]. Non arriverai
mai al punto di darmi a bere le tue stupidaggini [lett. “non si alzerà
mai tanto la tua bilancia (così da bilanciare la mia incredulità)”]:
credo che tu creda che io sia nato solo ieri sera”.

vv. 190-202

“Va’ a ripulire i tuoi ragazzi dai fichi [“va’ a prenderti
cura di loro”; oppure ‘‘va’ a preservare i tuoi ragazzi
dalle fiche” cioè “dalle donne”, perché bisogna ammettere
che “fichi” appare piuttosto forzato, forse per esigenze di rima] perché
io, di questa situazione, ne ho abbastanza! [lett. “ne sono sazio sino
al becco”; meno bene forse “che io di queste (“le fiche”) ne
sono sazio…’’]. Non serve che tu ti affatichi a cianciare:
farai anche tu come fece Cecco che andò a leccare il culo alle
puttane; che ti fossero levati gli occhi con uno stecco! Ci vorrebbe
un mese di sette settimane per dirti tutte le insolenze che meriti: magari
tu fossi bruciato dentro un fascio di canne! Perché, da quando
sono nato, non ho mai visto un uomo più bramoso (di te) di mangiare
fave e brodaglia [“di comportarsi come un maiale”]; che Dio ti ponga a
bersaglio delle sue saette e poi ti getti, come un camoscio, da una rupe!

TRA NATURA E STORIA

La locanda è situata nelle terre del Piave, dove si combatterono le aspre battaglie che caratterizzarono la Prima Guerra Mondiale, di cui proprio quest'anno ricorre il centenario. Questi luoghi costituiscono una suggestiva testimonianza del passato.